PuntoCellulare.it

Symantec sottolinea i rischi per la privacy con Google Home e Amazon Echo

21 Novembre 2017 | Roberto Bracco
CRONACHE CERCA
Symantec ha pubblicato una nota in merito ai rischi potenziali - da quelli minori a quelli più preoccupanti - collegati all'utilizzo degli smart speaker. La società ha preparato un elenco dei risultati più interessanti emersi dalla ricerca e alcuni suggerimenti per chi acquista in rete.

Symantec privacy
- La minaccia più grave alla sicurezza dello smart speaker ad attivazione vocale è da ricercare nelle altre persone che hanno accesso al dispositivo. Se i pirati informatici riuscissero ad accedere alla rete locale potrebbero facilmente cambiare le impostazioni dei dispositivi Google Home o riportare il dispositivo alle impostazioni di fabbrica
- Le preoccupazioni relative alla privacy sono ancora uno dei principali argomenti a sfavore degli smart speaker; se l'account email dovesse essere compromesso il terminale potrebbe infatti essere utilizzato per spiare nelle nostre case
- Il principale veicolo responsabile di un eventuale attacco informatico si trova nei servizi di streaming; tuttavia, sino ad oggi, Symantec non ha rilevato l'utilizzo di questo veicolo
- E non si tratta solamente di un problema legato all'accesso da parte di altre persone agli smart speaker: le TV, la radio, i siti web e altri smart speaker sono tutti potenzialmente in grado di interferire negativamente con il dispositivo e causare brutti scherzi o guasti più o meno irreparabili


Symantec privacy
Suggerimenti per gli utenti:

- Scegliere con attenzione quali account connettere all'assistente vocale. Prendere in considerazione la creazione di un nuovo account se non è strettamente necessario utilizzare l'agenda o la rubrica
- Se possibile, proteggere sempre l'account di servizio collegato al dispositivo con una password solida e l'autenticazione a doppio fattore
- In casa preferire sempre una rete Wi-Fi criptata WPA2 a un hotspot aperto, e creare una rete Wi-Fi per gli ospiti e per dispositivi IoT non sicuri
- Non utilizzare l'assistente vocale per trasmettere informazioni sensibili come password o numeri di carte di credito
- Disattivare la funzione acquisti, se non necessaria, o creare una password dedicata esclusivamente agli acquisti
- Se la funzione è disponibile, bloccare l'assistente vocale impostandolo in modo che riconosca solamente la vostra voce
- Di tanto in tanto, cancellare le registrazioni anche se questo potrebbe abbassare la qualità del servizio ostacolando il dispositivo nell'apprendimento del vostro registro linguistico


Symantec privacy
SEGUICI SU
FACEBOOK
SEGUICI SU
TELEGRAM
NOTIZIE CORRELATE
ULTIME NOTIZIE
    huawei mate 30 proHuawei Mate 30 Pro - nei benchmark inferiore agli smartphone con Snapdragon 855+iphone 11 pro maxiPhone 11 Pro Max - il teardown di iFixit rivela alcuni segretioppo reno aceOPPO Reno Ace - grazie al Tenaa emerge una scheda tecnica da vero top di gammagoogle pixel 4 4xlGoogle Pixel 4/ 4XL - in anteprima prezzi, colorazioni e configurazioni disponibilioneplus 7 android 10OnePlus 7 e OnePlus 7 Pro ricevono l'aggiornamento ad Android 10iphone 11 propro maxiPhone 11 Pro e Pro Max - la resistenza messa alla prova nei primi drop testiphone 11 smart battery caseApple ha in cantiere le Smart Battery Case per i nuovi iPhone 11critica mate 30 mate 30 proSamsung si prende gioco dei nuovi Mate 30 e Mate 30 Prosamsunug galaxy watch active 2Galaxy Watch Active 2 - arriva nei negozi l'ultimo smartwatch di Samsungxiaomi mi mix alphaXiaomi Mi Mix Alpha - dai teaser emerge uno schermo pieghevolevivo v17 proVivo V17 Pro - annunciato in India, con doppia fotocamera pop up per selfie impeccabilialcatel go flip 3 alcatel smartflipAlcatel svela i cellulari Go Flip 3 e Smartflip con KaiOS e 4G