PuntoCellulare.it

Un appello per la libertā della televisione IPTV via Internet

24 Luglio 2006 | PuntoCellulare.it
IPTV CERCA
Aiip, Anti Digital Divide, Assoprovider, Voipex lanciano un appello per la libertā della IPTV a milioni di Italiani: con una e-mail al Commissario Europeo per la Societā dellšInformazione ed i Media, Viviane Reding e ad altri milioni di utenti internet italiani, le associazioni lanciano un appello per la libertā della televisione via Internet IPTV. Lšappello č finalizzato a garantire il diritto degli utenti di scegliere liberamente e disgiuntamente i propri fornitori di accesso a Internet, di contenuti e di servizi su larga banda. In assenza di norme regolatorie, infatti, Telecom Italia, giā dominante sull'accesso Internet, potrebbe creare un monopolio anche sul nascente servizio di televisione via cavo IPTV, con grave danno per la concorrenza, il pluralismo e per i consumatori.

Questo pericolo puō essere facilmente evitato imponendo e facendo rispettare, come č nei poteri di AGCom (Autoritā per le Garanzie nelle Comunicazioni), due semplici regole, obbligando il soggetto che detiene a monte un rilevante potere di mercato nellšaccesso a larga banda ad interconnettere, ai diversi livelli, la sua rete di distribuzione dei contenuti con quelle dei concorrenti e, nello stesso tempo, facendo rispettare anche per la rete di distribuzione di contenuti IPTV la regola, giā in vigore per le altre piattaforme televisive, di separazione strutturale tra la rete e i contenuti.

Il provvedimento proposto da AGCOM, per quanto riguarda le tradizionali modalitā di diffusione radiotelevisiva, č improntato alla tutela del mercato, degli utenti ed al rispetto delle normative comunitarie. Limitatamente a quanto concerne la televisione via cavo, lšAGCOM ha ritenuto che il mercato sarebbe 'emergente' e, dunque, non sussistendo oggi posizioni dominanti, non vi sarebbe alcun bisogno di provvedimenti per garantire la concorrenza. Aiip, Anti Digital Divide, Assoprovider e Voipex ritengono che tale considerazione sia sbagliata e profondamente lesiva non solo della concorrenza, ma anche della pluralitā di informazione e dei diritti costituzionali. A tal proposito le Associazioni hanno invitato il Commissario Reding ad esercitare le proprie prerogative per fare in modo che la regolamentazione della TV via cavo IP sia inserita nel provvedimento di regolamentazione del 'mercato 18' (Servizi di diffusione radiotelevisiva per la trasmissione di contenuti agli utenti finali).
SEGUICI SU
FACEBOOK
SEGUICI SU
TELEGRAM
NOTIZIE CORRELATE
ULTIME NOTIZIE
    choetech wireless chargerCaricabatteria wireless Choetech doppio - la recensione di PuntoCellulare.itredmi note 9 5g note 9 pro 5g note 9 4gRedmi Note 9 5G, Note 9 Pro 5G e Note 9 4G messi a confronto con un teardowntimvision disney plusTim - due settimane di Disney+ in regalo a tutti i clientitcl 20 5gTCL 20 5G - in anteprima immagini e specifiche del nuovo smartphoneoneplus 8t cyberpunk 2077 editionOnePlus 8T Cyberpunk 2077 - tutti i dettagli sull'esclusivo smartphonesamsung galaxy a32Samsung Galaxy A32 5G - in anteprima immagini e caratteristiche tecnichehmd globalNokia 9.3 Pureview - il lancio rinviato ai primi mesi del 2021redmi note 9Redmi svela i nuovi Note 9 5G, Note 9 Pro 5G e Note 9 4G - prezzo e caratteristichewindtreWindTre - tutte le nuove offerte per un Natale all'insegna della convenienza e del 5Gvivo android 11Vivo pronta al rilascio di Android 11 sugli smartphone europeivivo 5gIl Tenaa rivela un inedito smartphone Vivo con 5G e batteria da 5.000mAhnokia 2.4Nokia 2.4 - il nuovo entry level arriva in Italia, il prezzo già in forte calo