PuntoCellulare.it

Multa milionaria ad Apple e Samsung in Italia per gli aggiornamenti software

24 Ottobre 2018 | Max Capitosti
SAMSUNG ANDROID CERCA
L'autorità garante della concorrenza e del mercato ha sanzionato Apple e Samsung rispettivamente con una multa di 10 e 5 milioni di euro per pratiche commerciali scorrette, per alcuni aggiornamenti software che 'hanno provocato gravi disfunzioni e ridotto in modo significativo le prestazioni, in tal modo accelerando il processo di sostituzione degli stessi'.

agcm multa

Per quanto riguarda Apple, a settembre 2016 è stato proposto in maniera insistente ai possessori di vari modelli di iPhone 6 (iPhone 6 / iPhone 6 Plus, iPhone 6s e iPhone 6s Plus rispettivamente immessi sul mercato nell'autunno del 2014 e 2015), di installare il nuovo sistema operativo iOS 10 sviluppato per il nuovo iPhone 7, senza informare delle maggiori richieste di energia del nuovo sistema operativo e dei possibili inconvenienti - quali spegnimenti improvvisi - che tale installazione avrebbe potuto comportare.

Per limitare tali problematiche, Apple ha rilasciato, nel febbraio 2017, un nuovo aggiornamento (iOS 10.2.1), senza tuttavia avvertire che la sua installazione avrebbe potuto ridurre la velocità di risposta e la funzionalità dei dispositivi. Apple non ha predisposto alcuna misura di assistenza per gli iPhone che avevano sperimentato problemi di funzionamento non coperti da garanzia legale, e solo nel dicembre 2017 ha previsto la possibilità di sostituire le batterie ad un prezzo scontato.

Samsung ha invece proposto dal maggio 2016, sempre con insistenza secondo l'authority, di installare l'aggiornamento ad Android Marshmallow sul Galaxy Note 4 predisposto per il più recente Galaxy Note 7 senza informare dei gravi malfunzionamenti dovuti alle maggiori sollecitazioni dell'hardware e richiedendo, per le riparazioni fuori garanzia connesse a tali malfunzionamenti, un elevato costo di riparazione.

Alle due imprese sono state applicate sanzioni pari al massimo edittale, tenuto conto della gravità delle condotte e della dimensione dei professionisti: a Samsung 5 milioni di euro e ad Apple 10 milioni di euro (5 milioni per ciascuna delle due pratiche contestate). Entrambe le imprese dovranno inoltre pubblicare sulla pagina in italiano del proprio sito internet una dichiarazione rettificativa che informi della decisione dell'Autorità con il link al provvedimento di accertamento.

Il commento di Samsung in merito alla vicenda:

Per Samsung la soddisfazione dei propri clienti è obiettivo primario, strettamente legato al proprio business. Samsung non condivide la decisione presa dall'AGCM in quanto la società non ha mai rilasciato aggiornamenti software con l'obiettivo di ridurre le performance del Galaxy Note 4. Al contrario, Samsung ha sempre rilasciato aggiornamenti software che consentissero ai propri utenti di avere la migliore esperienza possibile. L'azienda si vede quindi costretta a ricorrere in appello contro la decisione presa dall'Autorità
SEGUICI SU
FACEBOOK
SEGUICI SU
TELEGRAM
NOTIZIE CORRELATE
ULTIME NOTIZIE
    samsung customer service bresciaSamsung Customer Service apre a Bresciarealme x50Realme X50 Pro - in arrivo un top di gamma da record, con Snapdragon 865motorola razrMotorola RAZR - la versione 5G sarà annunciata a breve in Cinasamsung galaxy z flipSamsung Galaxy Z Flip - lo schermo potrà essere bloccato a 90°lg v50 thinq 5gLG pubblica l'elenco degli smartphone aggiornabili ad Android 10huawei mate 30 proHuawei Mate 30 Pro - nuovi canali di distribuzione in Italia, ma il prezzo ufficiale non calalg l555dl lg l455dlDue nuovi smartphone LG svelati in anteprima nelle prime immaginiiphone 9iPhone 9 - la produzione partirà a febbraio, il lancio nei negozi a marzomotorola one hyperMotorola One Hyper - arriva in Italia lo smartphone con fotocamera pop-upsamsung galaxy bloomSamsung Galaxy Z Flip - svelato il nome del prossimo smartphone pieghevolesamsung galaxy s20Samsung Galaxy S20 - in vendita in Europa a partire dal 13 marzosamsung galaxy m11Samsung Galaxy M11, Galaxy M31 e Galaxy A11 ottengono la certificazione Wi-Fi