PuntoCellulare.it

Check Point trova una nuova vulnerabilitÓ negli smartphone Android

4 Settembre 2019 | Max Capitosti
VIRUS ANDROID CERCA
Check Point Research ha trovato una falla di sicurezza negli smartphone Android di Samsung, Huawei, LG, e Sony, come pure quelli di altre marche, che rende gli utenti vulnerabili ai pi¨ evoluti attacchi di phishing.

I cellulari Android affetti utilizzano il provisioning over-the-air (OTA), attraverso il quale gli operatori di rete possono impostare specifiche di rete per un nuovo telefono che entra a far parte del loro network. Tuttavia, Check Point Research ha svelato che lo standard industriale per il provisioning OTA, l'Open Mobile Alliance Client Provisioning (OMA CP), contiene metodi di autenticazione limitata.

I malintenzionati possono sfruttarlo per apparire sotto forma di operatori di rete e inviare messaggi OMA CP ingannevoli agli utenti. Il messaggio li induce ad accettare impostazioni dannose che, ad esempio, indirizzano il loro traffico Internet attraverso un server proxy di proprietÓ dell'hacker.

check point
I ricercatori hanno stabilito che alcuni cellulari Samsung sono i pi¨ vulnerabili a questa forma di attacco phishing perchŔ non hanno un controllo di autenticitÓ per i mittenti di messaggi OMA CP. L'utente deve solo accettare il CP e il software dannoso sarÓ installato senza che il mittente debba dimostrare la propria identitÓ.

I cellulari Huawei, LG e Sony, invece, hanno una forma di autenticazione, ma gli hacker hanno bisogno solo dell'International Mobile Subscriber Identity (IMSI) del destinatario per 'confermare' la propria identitÓ. Gli hacker possono ottenere l'IMSI di una vittima in vari modi, inclusa la creazione di un'app Android malevola che legge l'IMSI di un telefono, una volta installata. L'hacker pu˛ anche aggirare la necessitÓ di un IMSI inviando all'utente un messaggio di testo come se fosse un operatore di rete chiedendogli di accettare un messaggio OMA CP protetto da PIN. Se l'utente inserisce il numero PIN fornito e accetta il messaggio OMA CP, il CP pu˛ essere installato senza IMSI.

I ricercatori hanno trasmesso quanto emerso ai diretti interessati lo scorso mese di marzo. Samsung ha aggiunto una patch per risolvere questo problema nella propria Security Maintenance Release di maggio (SVE-2019-14073), LG ha rilasciato la patch a luglio (LVE-SMP-190006), e Huawei sta progettando di includere le correzioni dell'interfaccia utente per OMA CP nella prossima generazione di smartphone della serie Mate o della serie P. Sony ha rifiutato, invece, di riconoscere la vulnerabilitÓ, affermando che i loro dispositivi seguono le specifiche OMA CP.
SEGUICI SU
FACEBOOK
SEGUICI SU
TELEGRAM
NOTIZIE CORRELATE
ULTIME NOTIZIE
    mi 9 pro e mi mix 4Mi 9 Pro e Mi Mix 4 saranno lanciati in 24 settembreoppo smartphoneOppo registra in Europa 13 marchi per nuovi smartphoneoppo reno aceOppo Reno Ace - il nuovo smartphone sarà svelato il 10 ottobregoogle pixel 4 xl 5gGoogle Pixel 4 XL - GeekBench svela una versione 5G con 8GB di RAMmeizu 17Meizu 17 - il top di gamma mostrato nelle prime immaginixiaomi mi 9 liteXiaomi Mi 9 Lite - in vendita in Italia dal 16 settembreredmi 8 redmi 8aIn anteprima a confronto i nuovi Redmi 8 e Redmi 8A, in arrivo ad ottobreoneplus 7t oneplus 7t proLa scheda tecnica di OnePlus 7T e OnePlus 7T Pro svelata in anteprimasamsung w2020Samsung W2020 - in arrivo un nuovo top di gamma con scocca a conchigliaiphone 11iPhone 11 - la ricarica wireless inversa potrebbe essere presentehuawei nle al00Huawei NLE-AL00 - un misterioso smartphone con Kirin 990 testato con Geekbenchoppo reno aceOppo Reno Ace - in arrivo ad ottobre con display a 90Hz e ricarica a 65W