PuntoCellulare.it

Troppi servizi pornografici per i cellulari israeliani

28 Dicembre 2004 | PuntoCellulare.it
CRONACHE CERCA
Il ministero delle comunicazioni israeliano ha chiesto alle compagnie telefoniche di implementare una serie di restrizioni per impedire che i propri clienti minorenni possano accedere a servizi a carattere pornografico tramite i nuovi cellulari UMTS. Gli adulti, secondo le disposizioni del ministero, potranno continuare ad utilizzare servizi di questo genere, inserendo un codice di abilitazione che possa comprovare la loro maggiore etÓ.

In Israele sono attivi quattro operatori mobili, Cellcom, Partner, Pelephone e Mirs, che insieme totalizzano circa 7 milioni di clienti, la maggior parte dei quali di giovane etÓ. Il ministro delle comunicazioni, Ehud Olmert, ha precisato che la decisione si Ŕ resa necessaria a seguito delle numerose lamentele giunte dalla clientela, per la facilitÓ con cui Ŕ possibile consultare tramite cellulare servizi a carattere pornografico.
SEGUICI SU
FACEBOOK
SEGUICI SU
TELEGRAM
ULTIME NOTIZIE
    samsung galaxy z flip 3 bespoke editionSamsung Galaxy Z Flip 3 - con la Bespoke Edition la personalizzazione è totaleoppo k9sOppo K9s - la variante di K9 con Snapdragon 778G e schermo LCDxiaomi temporary storeInagurato a Milano Cadorna il nuovo Xiaomi Temporary Storeredmi note 11Redmi Note 11 - la nuova gamma di smartphone sarà svelata il 28 ottobreiqoo z5xIqoo Z5x - nuovo smartphone con Dimensity 900 e fotocamera da 50MPvivo t1 t1xVivo T1 e T1x annunciati in Cina, con fotocamera da 64MP e batteria da 5.000mAhrealme gt neo 2tRealme GT Neo 2T - il nuovo smartphone deriva dal GT Neo, con alcune differenzepixel 6 pixel 6 proPixel 6 e Pixel 6 Pro presentati da Google, confermate caratteristiche e prezziz fold 3 e z flip 3Fino a 900 euro di sconto su Z Fold 3 e Z Flip 3 con la supervalutazione Samsungxiaomi 11tXiaomi 11T - la via il ‘Cinemagic Tour' nei principali Xiaomi Store italianivodafone eco simVodafone - arrivano le 'Eco-SIM' realizzate in plastica riciclataconnectivity standards allianceOppo entra nella Connectivity Standards Alliance