PuntoCellulare.it

Troppi servizi pornografici per i cellulari israeliani

28 Dicembre 2004 | PuntoCellulare.it
CRONACHE CERCA
Il ministero delle comunicazioni israeliano ha chiesto alle compagnie telefoniche di implementare una serie di restrizioni per impedire che i propri clienti minorenni possano accedere a servizi a carattere pornografico tramite i nuovi cellulari UMTS. Gli adulti, secondo le disposizioni del ministero, potranno continuare ad utilizzare servizi di questo genere, inserendo un codice di abilitazione che possa comprovare la loro maggiore etÓ.

In Israele sono attivi quattro operatori mobili, Cellcom, Partner, Pelephone e Mirs, che insieme totalizzano circa 7 milioni di clienti, la maggior parte dei quali di giovane etÓ. Il ministro delle comunicazioni, Ehud Olmert, ha precisato che la decisione si Ŕ resa necessaria a seguito delle numerose lamentele giunte dalla clientela, per la facilitÓ con cui Ŕ possibile consultare tramite cellulare servizi a carattere pornografico.
SEGUICI SU
FACEBOOK
SEGUICI SU
TELEGRAM
ULTIME NOTIZIE
    huawei pura 70 ultraHuawei Pura 70 Ultra - una fotocamera retrattile per il nuovo smartphone di puntahuawei pura 70Huawei presenta i nuovi smartphone Pura 70, Pura 70 Pro e Pura 70 Pro+vivo t3xVivo T3x - annunciato un nuovo smartphone con Snapdragon 6 Gen 1 e batteria da 6.000mAhvivo v40 seVivo V40 SE - confermato il prezzo di lancio in Europahmd boring phoneHMD produce il Boring Phone per conto di Heinekenhmd pulseHMD Pulse - in anteprima le immagini ufficiali del nuovo smartphonemotorola edge 50 ultraMotorola Edge 50 Ultra - confermate caratteristiche e prezzo con il lancio ufficialemotorola edge 50 fusionMotorola Edge 50 Fusion - nuovo smartphone di fascia media annunciato in Italiamotorola edge 50 proMotorola Edge 50 Pro - confermato il prezzo di lancio e la disponibilità in Italiarealme p1Realme P1 e P1 Pro annunciati ufficialmentegoogle pixel 8aGoogle Pixel 8a - svelate le quattro colorazioni della scocca in anteprimapoco f6 proPoco F6 Pro - nuove indicazioni, grazie alla certificazione FCC