PuntoCellulare.it

Xiaomi migliora il posizionamento della classifica Fortune Global 500

4 Agosto 2022 | PuntoCellulare.it
XIAOMI CERCA
Xiaomi si è posizionata al n. 266 della classifica Fortune Global 500 2022 presentata oggi. L'azienda cinese, terzo produttore di smartphone al mondo, ha scalato la lista per il quarto anno consecutivo, dopo essere apparsa per la prima volta in classifica alla posizione 468 nel 2019, a soli nove anni dalla sua fondazione.

fortune global 500

Da allora, l'azienda ha migliorato il suo ranking ogni anno, passando alla 422ª posizione nel 2020 e alla 338ª l'anno scorso, avanzando di oltre 200 posizioni in quattro anni e diventando l'azienda tecnologica cinese in più rapida ascesa.

Il fatturato e l'utile netto di Xiaomi hanno raggiunto nuovi picchi nel 2021: l'anno scorso, infatti, il fatturato globale di Xiaomi ha raggiunto i 328,3 miliardi di RMB, con una crescita del 33,5% rispetto all'anno precedente. L'utile netto ha invece raggiunto i 22 miliardi di RMB nel 2021, con un aumento del 69,5% rispetto all'anno precedente. Inoltre, lo scorso anno, le entrate di Xiaomi nei mercati esteri sono aumentate del 33,7% rispetto al 2020, andando a costituire il 49,8% delle entrate totali. Nel primo trimestre del 2022, questa percentuale è salita al 51,1%.

Grazie alla strategia 'Smartphone × AIoT', le spedizioni globali di smartphone di Xiaomi hanno raggiunto livelli da record nel 2021. Anche i prodotti AIoT sono esplosi rapidamente, creando un ricco ecosistema di soluzioni intorno agli smartphone.

Secondo i dati Canalys, nel 2021, Xiaomi si è classificata al terzo posto nel settore globale degli smartphone con una quota di mercato del 14,1%: le vendite dei suoi smartphone hanno infatti raggiunto il primo posto in 14 mercati e sono state tra le prime cinque in 62 mercati.

Il 31 dicembre 2021, più di 434 milioni di dispositivi intelligenti erano connessi alla sua piattaforma (esclusi smartphone, tablet e laptop), con una crescita del 33,6% rispetto all'anno precedente. Il numero di utenti attivi mensili MIUI a livello globale, inoltre, ha raggiunto i 509 milioni, con un aumento del 28,4% rispetto all'anno precedente.

Nel 2021, il numero di spedizioni di smartphone Xiaomi di fascia alta è salito a circa il 13% delle spedizioni totali di smartphone, quasi raddoppiando rispetto all'anno precedente. Nel frattempo, Xiaomi ha continuato ad aumentare gli investimenti nella ricerca: nel 2021, la spesa di Xiaomi per la R&S è stata di 13,2 miliardi di RMB, con un aumento del 42,3% rispetto all'anno precedente. Nei prossimi cinque anni, l'investimento nella ricerca dovrebbe superare i 100 miliardi di RMB. Al 31 marzo 2022, Xiaomi aveva ottenuto più di 26.000 brevetti; con oltre 53.000 domande di brevetto globali.

In futuro, Xiaomi continuerà a impegnarsi per realizzare prodotti di alta qualità a prezzi convenienti, in modo che tutti possano godere di una vita migliore grazie alle sue tecnologie innovative.
SEGUICI SU
FACEBOOK
SEGUICI SU
TELEGRAM
NOTIZIE CORRELATE
ULTIME NOTIZIE
    redmi k50s proRedmi K50S Pro - AnTuTu conferma il chip Snapdragon 8+ Gen 1realme 9i 5gRealme 9i 5G - in anteprima caratteristiche, immagini e prezzo dei nuovo smartphonenokia 110 4g 2022Nokia 110 4G (2022) - un prezzo bassissimo per il nuovo telefono cellularesamsung galaxy z fold 4Samsung Galaxy Z Fold 4 - caratteristiche e immagini svelate da Amazon in anteprimasamsung galaxy a23 5gSamsung Galaxy A23 5G - confermate le caratteristiche tecniche con la presentazione ufficialevivo v25 proVivo V25 e V25 Pro in arrivo, in anteprima immagini e caratteristichehuawei p50 pocketProbabile una selfie camera under-display per l'erede di Huawei P50 Pocketmotorola razr 2022Motorola fissa la nuova data per il lancio di RAZR 2022 ed Edge X30 Prooppo reno 8z 5gOppo Reno 8Z 5G - il nuovo smartphone si ispira ad altri recenti modelli del marchioantutu luglio 2022Nella classifica AnTuTu arrivano i primi smartphone con Snapdragon 8+ Gen 1fortune global 500Xiaomi migliora il posizionamento della classifica Fortune Global 500oppo a77 4gOppo A77 4G - svelato un nuovo entry level, derivato dalla versione 5G