PuntoCellulare.it

NTT DoCoMo abbandonerà il settore della telefonia PHS

22 Febbraio 2005 | PuntoCellulare.it
CRONACHE CERCA
La compagnia telefonica NTT DoCoMo, la prima in Giappone per numero di clienti, sta pensando di uscire dal business della telefonia mobile basata sull'ormai obsoleto standard PHS (personal handyphone system) per concentrare le proprie energie sulla più profittevole telefonia 2G e 3G. Il quotidiano nipponico Nihon Keizai Shimbun sostiene che NTT DoCoMo progetta di smettere di attivare in primavera nuovi abbonamenti PHS, per chiudere definitivamente la rete nel giro di due o tre anni.

La rete PHS è decisamente più costosa da gestire, visto che le sue stazioni trasmittenti sono in grado di offrire una copertura più limitata rispetto a quelle delle reti 2G e 3G. NTT DoCoMo, conosciuta in tutto il mondo per la sua tecnologia 'i-mode', può contare attualmente su circa 1.37 milioni di clienti PHS in Giappone, decisamente in calo rispetto ai 2.12 milioni dell'estate del 1997.
SEGUICI SU
FACEBOOK
SEGUICI SU
TELEGRAM
NOTIZIE CORRELATE
ULTIME NOTIZIE
    samsung galaxy s23Samsung Galaxy S23 - ecco le promozioni di lancio svelate in anteprimatcl ion xTCL Ion X - lo smartphone con batteria rimovibile lanciato negli USAgorilla glass victus 2Samsung Galaxy S23 - in arrivo il primo smartphone al mondo con Gorilla Glass Victus 2samsung galaxy a54Samsung Galaxy A54 - la FCC rivela la capacità della batteriazte blade v40ZTE Blade V40 - in anteprima immagini dal vivo e caratteristiche tecnicheios 17iOS 17 - in anteprima tutte le novità in arrivo, con uno sguardo ai prossimi iPhone 15oppo reno 8tOppo Reno 8T - il nuovo smartphone sarà lanciato l'8 febbraiococa cola smartphoneCoca-Cola potrebbe lanciare a breve uno smartphoneoneplus 11 5gOnePlus 11 5G - uno speaker firmato Bang & Olufsen in regalo ai primi clientipoco x5 proPoco X5 Pro - scheda tecnica e design emergono in anteprimaoneplus 11rOnePlus 11R - confermata la data di presentazione del nuovo smartphonesamsung galaxy s23Samsung Galaxy S23 - in anteprima i prezzi (più elevati) di lancio in Europa