PuntoCellulare.it

Kaspersky Lab parla dei pericoli legati alle connessioni USB

26 Maggio 2016 | Roberto Bracco
CRONACHE CERCA
Durante un esperimento proof-of-concept, gli esperti di Kaspersky Lab hanno scoperto che gli smartphone possono essere compromessi mentre vengono caricati tramite una connessione USB standard a un computer. I ricercatori stanno ora valutando quale possa essere l'impatto di un simile incidente.

Kaspersky Lab
Gli esperti dell'azienda hanno testato numerosi smartphone con diverse versioni dei sistemi operativi Android e iOS per scoprire quali dati il dispositivo trasferisca all'esterno quando è connesso a un PC o a un Mac per caricarsi. I risultati del test indicano che i dispositivi mobile svelano moltissimi dati al computer durante l'handshake (un processo di presentazione tra il dispositivo e il PC/Mac a cui è connesso), compresi: il nome del device, il produttore, la tipologia, il numero di serie, le informazioni sul firmware e sul sistema operativo, il file system/file list e l'ID del chip elettronico.

La quantità di dati inviati durante l'handshake cambia a seconda del dispositivo e dell'host, ma ogni smartphone trasferisce lo stesso set base di informazioni, come il nome del dispositivo, il produttore, il numero seriale, e così via.

Nel 2014, è stata presentata al Black Hat la teoria secondo la quale un cellulare potrebbe venire infettato da un malware semplicemente connettendolo a un falso punto di ricarica. Ora, due anni dopo il primo annuncio, gli esperti di Kaspersky Lab sono stati in grado di dimostrarlo con successo. Usando solo un comune computer e un cavo micro USB standard, armati di un set di comandi speciali (i cosiddetti comandi AT), sono stati in grado di eseguire il re-flash dello smartphone e installarvi silenziosamente un'applicazione root. Questo ha portato alla totale compromissione del dispositivo, anche senza l'utilizzo di alcun malware.

Sebbene non siano state pubblicate informazioni su incidenti effettivamente avvenuti che coinvolgono falsi punti di ricarica, il furto di dati da dispositivi mobile connessi a un computer è stato già visto in passato. Ad esempio, questa tecnica è stata utilizzata nel 2013 all'interno della campagna di cyber spionaggio Red October. Inoltre, anche il gruppo Hacking Team ha usato una connessione a un computer per caricare un malware su un dispositivo mobile.
Prosegui la lettura a pagina 2 >
SEGUICI SU
FACEBOOK
SEGUICI SU
TELEGRAM
NOTIZIE CORRELATE
  • Kaspersky LabKaspersky Lab studia gli effetti della 'Digital Amnesia' sul posto di lavoro Secondo una nuova indagine commissionata da Kaspersky Lab, gli impiegati sopravvalutano la propria capacità di essere multi-tasking: pensano di poter scrivere al computer e ascoltare ... [24/03/2016]

  • Kaspersky LabKaspersky Lab consiglia di prestare attenzione quando si installano applicazioni Kaspersky Lab ha scoperto che i consumatori tendono ad installare applicazioni sui propri dispositivi ignorando le possibili conseguenze. Uno sconcertante 63% degli utenti non legge ... [18/03/2016]

  • Kaspersky LabA rischio le informazioni personali sui dispositivi digitali, secondo Kaspersky Lab I dispositivi digitali custodiscono una miniera di informazioni private e personali: secondo una recente ricerca, condotta da Kaspersky Lab, l'88% degli utenti archivia questo tipo di dati ... [03/02/2016]

ULTIME NOTIZIE
    samsung galaxy s10Samsung Galaxy S10 - scoperto un bug per il lettore di impronte, aggiornamento in arrivoelephone pxElephone PX - finalmente disponibile lo smartphone con selfie camera pop-upmotorola moto g8Motorola Moto G8 - in anteprima le immagini ufficiali del nuovo smartphoneoneplus 7t e oneplus 7t proOnePlus 7T e OnePlus 7T Pro in vendita da oggi in Italiasamsung galaxy s10Samsung Galaxy S10 - con un pallone nella stratosfera per selfie al limite dello spaziosamsung galaxy m30sSamsung Galaxy M30s - lo smartphone con batteria da 6.000mAh in vendita in Italiadoogee s68 proDoogee S68 Pro - svelate le caratteristiche del nuovo smartphone ruggedxiaomi mi note 10Xiaomi Mi Note 10 - in anteprima le immagini della confezioneoppo italiaOppo Reno 2 e Oppo A9 (2020) nei listini di Wind e 3meizu 16tMeizu 16T - il produttore pubblica un'immagine dello smartphonevivo iqoo neo 2Vivo Iqoo Neo 2 - il lancio in programma il 24 ottobre, con Snapdragon 855offerte gearbestLe offerte GearBest di oggi con tanti smartphone al prezzo più basso